SEI IN > VIVERE GUBBIO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ospedale Branca, installato il primo defibrillatore sottocutaneo in paziente affetto da cardiopatia ischemica cronica

2' di lettura
98

Nei giorni scorsi, presso il Presidio ospedaliero di Gubbio - Gualdo Tadino, è stato installato il primo impianto di defibrillatore sottocutaneo in un giovane paziente affetto da cardiopatia ischemica cronica con severa riduzione della funzione contrattile. Ad eseguirlo è stata l'equipe di Aritmologia, composta dai dottori Fabrizio Pagnotta e Nicolò Sisti e dall’infermiere Marco Cambiotti, ed inserita all’interno della struttura di Cardiologia di Branca ed il cui direttore facente funzioni è il dottor Euro Antonio Capponi.

Tale dispositivo, utilizzato da più di dieci anni in Italia per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa, si distingue dal defibrillatore tradizionale trans-venoso per l'essere totalmente applicato a livello sottocutaneo ed in particolare, a contatto con le strutture osteo-muscolari della gabbia toracica, evita il posizionamento di cateteri attraverso il sistema venoso. Ciò permette di non inserire il fissaggio di cateteri all'interno del cuore il che comporta un minor rischio infettivo e di complicanze legate all'elettrocatetere quando applicato per via trans-venosa come, ad esempio, maggior rischio di fratture dello stesso, di shock inappropriati, trombosi e/o fibrosi intravascolare venosa ostruttiva.

“La possibilità di impiantare anche questo particolare tipo di defibrillatore, afferma Fabrizio Pagnotta, indicato nel paziente giovane a rischio di morte improvvisa con cardiopatia ipocinetica o con sindrome aritmica ereditaria, ci permetterà di allinearci con gli altri centri aritmologici umbri ed italiani, potendo garantire il giusto dispositivo, trans-venoso o sottocutaneo, per ogni tipologia di paziente che incontreremo nella nostra pratica clinica.

L'ottima riuscita della procedura è stata possibile grazie anche al supporto anestesiologico da parte del personale di sala operatoria, che ci ha permesso di eseguire l'impianto con un'efficace analgesia endovenosa congiuntamente all'anestesia loco-regionale da noi praticata, evitando la necessità della sedazione generale. Ringraziamo, conclude Pagnotta, la direzione sanitaria, il nostro primario facente funzione Euro Antonio Capponi ed il nostro coordinatore Simone Cappannelli che hanno reso possibile la pianificazione, il coordinamento delle varie figure coinvolte e l'espletamento della procedura in maniera ottimale”.

Ricevi su WhatsApp (Info QUI) le notizie di Vivere Gubbio il servizio è gratuito: è sufficiente iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereGubbio oppure aggiungere il numero 376 0317898 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON" allo stesso numero.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2024 alle 18:32 sul giornale del 29 gennaio 2024 - 98 letture






qrcode