SEI IN > VIVERE GUBBIO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Suoni Controvento, una grande estate: 20mila presenze in 21 comuni con oltre 60 eventi. "È stato il festival del pubblico"

6' di lettura
52

Tra le vigne di Montefalco di Caprai, con il concerto del grande Fabio Concato, si è chiusa l'edizione 2023 di Suoni Controvento.

Il festival di arti performative e di itinerari di cultura sostenibile - promosso da Associazione Umbra della Canzone e della Musica d'Autore (Aucma) con il sostegno del Ministero della Cultura, Regione Umbria, Sviluppumbria, Fondazione Perugia e Fondazione Cassa di risparmio di Terni e Narni – ha reso grande l’estate umbra con 21 comuni e 50 luoghi coinvolti, per oltre 60 eventi. In tutto un totale di circa 20mila presenze.

Un'edizione riuscita in tutto e per tutto e che spicca anche per un dato fondamentale al quale gli organizzatori tengono particolarmente: «Quest'anno c'è stato un vero e proprio salto di qualità nella formazione del pubblico che, con noi - asserisce il direttore artistico Gianluca Liberali - non ha condiviso solo i momenti principali degli eventi ma anche gli appuntamenti di sperimentazione e ricerca». Un fattore che dimostra anche il consolidamento di Suoni Controvento quale progetto ben integrato nella filiera turistica: «Nei fine settimana si riscontravano significativi cluster di pubblico, provenienti spesso da fuori regione, che, giungevano in Umbria appositamente per vivere appieno l'insieme di appuntamenti da noi proposto. Non una "gita fuori porta" per un singolo appuntamento ma una sorta di turismo più lento mirato al festival e all'esplorazione del territorio».

«Siamo molto soddisfatti per questa settima edizione che - sottolinea anche la presidente Lucia Fiumi - è stata all'insegna della grande risposta di pubblico. Risposta che ha superato ogni nostra aspettativa, portando tantissimi sold out ai concerti a pagamento ma anche molta affluenza agli altri, anche quelli che hanno visto protagonisti giovani talenti emergenti ma anche artisti di nicchia stranieri probabilmente meno noti ma che hanno accontentato una richiesta meno evidente ma da non sottovalutare». Anche quest'anno Suoni Controvento è stata promotrice di due nuove produzioni: «Quella di Tetrakis percussioni che ha avuto notevole successo e con la quali siamo tornati con uno spettacolo nel luogo in cui il festival ha avuto origine, sul monte Cucco. Poi lo spettacolo sulla Callas nel caratteristico anfiteatro romano di Spoleto che, anche a detta di pubblico e addetti del settore presenti, è stato unico nel suo genere e molto apprezzato». Spoleto che è un altro Comune importante che ha fatto il suo ingresso a SCV in questo 2023, ma non finisce qui: «Abbiamo già diverse richieste da altri Comuni per il prossimo anno».

Un progetto turistico-culturale che ha raccontato nel migliore dei modi l'Umbria andando nei territori e facendo emergere aspetti legati all'ambiente, grazie anche alla partnership di importanti realtà che hanno lavorato con Aucma alla realizzazione del festival, e ai luoghi più caratteristici ma anche inusuali della regione: da nord a sud da est a ovest, fra montagne, sentieri, piazze, antichi palazzi, parchi archeologici, castelli e rocche. Spazi quindi diventati parte integrante dei vari eventi con la creazione di un dialogo unico fra luogo, artista e pubblico, con quest’ultimo che sempre numeroso ha seguito i vari appuntamenti.

In questi luoghi si sono alternati artisti italiani ma anche sempre più stranieri, dai grandi nomi del pop e della musica d'autore come Eugenio Finardi, Carmen Consoli, Baustelle o Goran Bregovic, ad una offerta con talenti emergenti di nuova generazione come l’indimenticabile concerto di Daniel Norgren tra le altezze di Castelluccio con i suoni della colonna sonora del film “Le Otto Montagne”.

Dal 15 luglio al 10 settembre 21 città dell'Umbria si sono quindi animate: Assisi, Campello sul Clitunno, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Montefalco, Montone, Narni, Norcia, Pietralunga, San Gemini, San Venanzo, Scheggia e Pascelupo, Sigillo, Spello, Spoleto, Stroncone, Terni, Trevi e Valfabbrica. Suoni Controvento ha proseguito anche il suo percorso di coinvolgimento delle comunità locali e di realtà come Istituzioni, proloco e associazioni.

Successo anche per i format “Suoni Controvento Slow” (ramo del festival volto a valorizzare i comuni umbri e che punta a un turismo lento, sostenibile ed esperienziale) e “Libri in cammino” (nell’ambito del quale autori di rilievo nazionale hanno presentato le proprie opere durante passeggiate immersive nella natura).

Tante poi le contaminazioni che hanno creato un filo conduttore tra musica, teatro, letteratura e natura, con l’obiettivo fisso della sostenibilità. In linea con il rispetto dell'ambiente, fondamentale per Aucma, gli eventi sono stati strutturati anche in questa edizione in modo da rendere minore possibile il loro impatto con il luogo naturale ospitante. Un percorso importante sulla sostenibilità degli eventi culturali – realizzato anche in sinergia con due grandi festival come Umbria Jazz e il Festival dei Due Mondi di Spoleto – che è quindi proseguito anche quest’anno con l’intento di definire percorsi sostenibili per salvaguardare l'ambiente attraverso la cultura.

Suoni Controvento 2023 è stato realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura, Regione Umbria, Fondazione Perugia, Fondazione Cassa di Risparmio di Terni, Sviluppumbria,, Direzione Regionale Musei Umbria, Conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia, Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia, Cams - Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia, Camera di Commercio dell’Umbria, Chiesa Valdese, Confagricoltura Umbria, Federalberghi Umbria, Comune di Assisi, Comune di Campello sul Clitunno, Comune di Costacciaro, Comune di Fossato di Vico, Comune di Gualdo Tadino, Comune di Gubbio, Comune di Montefalco, Comune di Montone, Comune di Narni, Comune di Norcia, Comune di Pietralunga, Comune di San Gemini, Comune di San Venanzo, Comune di Scheggia e Pascelupo, Comune di Sigillo, Comune di Spello, Comune di Spoleto, Comune di Stroncone, Comune di Terni, Comune di Trevi, Comune di Valfabbrica in collaborazione con Regusto, aeroporto Internazionale dell'Umbria San Francesco d'Assisi, UmbriaSì, Università degli Uomini Originari di Costacciaro, Movimento Turismo del Vino Umbria, Proloco di Costacciaro, Proloco di Sigillo, Pro Fossato, Tramontana guide dell'Appennino, L'Olivo e la Ginestra, Associazione Roompicapo, Maja Trek & Adventures, Cantina Arnaldo Caprai, Cantina Semonte, Asp Beata Lucia di Narni; con la collaborazione tecnica di alcuni partners privati e sponsor, in particolare Gruppo Hera, Diva International, Park Hotel Ai Cappuccini, Ares Safety, Cantina Brugnoni, Bahia City Store, Erreti Musica. Sustainability partner Fercam. Fattoria Creativa è partner per la comunicazione e promozione del festival. Radio partner Rai Radio 2. Patrocinio Rai Umbria, media partner Tgr Umbria.

Suoni Controvento Slow è stato realizzato grazie al bando Sviluppumbria fondi Por Fesr 2014-2020 Asse 3 - Azione 3.2.1 Piano sviluppo e coesione Fsc – Bando per il sostegno di progetto nel settore dello spettacolo dal vivo - Anno 2022.

Sito ufficiale Suoni Controvento www.suonicontrovento.com

Hashtag ufficiale #SCV23

Per Vivere Gubbio  è attivo il servizio di notizie in tempo reale anche su: 
Facebook | Telegram | WhatsApp | X (Twitter) | LinkedIn | Mastodon
Clicca e iscriviti!





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2023 alle 10:55 sul giornale del 15 settembre 2023 - 52 letture






qrcode