SEI IN > VIVERE GUBBIO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ordine pubblico e legalità, rinnovati i protocolli con la Prefettura

3' di lettura
58

Sono stati rinnovati martedì mattina in Prefettura il Protocollo d’intesa per il controllo di vicinato tra la Prefettura di Perugia e il Comune di Gubbio e il Patto di legalità e prevenzione dei tentativi di infiltrazione criminale, stipulati tra la Prefettura perugina e il Comune di Gubbio. A firmarli, martedì in Piazza Italia, il sindaco di Gubbio Filippo Stirati e il Prefetto Armando Gradone.

Nel dettaglio, il Protocollo per il controllo di vicinato prevede la realizzazione di un ampio sistema integrato di sicurezza urbana, che agli interventi di competenza esclusiva delle Forze di Polizia affianca le iniziative dei cittadini volte a favorire e migliorare la conoscenza reciproca nell’ambito dei quartieri e delle frazioni del Comune. Un percorso già iniziato negli scorsi mesi, che proseguirà e sarà mirato a consentire una migliore vivibilità delle aree coinvolte mediante attività di segnalazione delle anomalie, mediazione dei conflitti e aggregazione sociale, al fine di favorire il rafforzamento del rapporto di collaborazione tra i cittadini e le istituzioni promuovendo l’educazione alla convivenza, il rispetto della legalità e lo sviluppo del senso civico di appartenenza alla comunità.

Il Protocollo di legalità rinnovato ieri è invece finalizzato alle attività di prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata, in particolare attraverso l’estensione delle cautele antimafia all’intera filiera degli esecutori e dei fornitori e agli appalti di lavori pubblici sottosoglia, in base al codice delle leggi antimafia e attraverso il monitoraggio costante dei cantieri e delle imprese coinvolti nel’esecuzione delle opere. Il focus è dunque sugli appalti, con tutta una serie di verifiche da effettuare rispetto alle ditte contraenti, alla tracciabilità dei flussi finanziari, a tutte le transazioni connesse ai contratti, all’adempimento degli obblighi retributivi e contributivi e alla sicurezza delle condizioni di lavoro delle maestranze impiegate.

Il protocollo prevede anche una serie di provvedimenti relativi alla tutela della legalità delle attività economiche e commerciali: in particolare il Comune provvederà, attraverso la Polizia Municipale, a una campagna di controlli nei locali e negli esercizi pubblici della città, al fine di verificare il rispetto delle normative e a indirizzare alla Prefettura, con cadenza mensile, la segnalazione relativa alle variazioni di tipologia di attività o a variazioni di titolarità afferenti ai settori considerati maggiormente a rischio infiltrazione. Inoltre, in tema di “movida” e disturbo della quiete pubblica, il Comune potrà valutare, in relazione a specifiche esigenze di ordine e sicurezza pubblica o di decoro urbano presi in esame in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, l’adozione di provvedimenti ordinatori contingibili e urgenti volti a limitare la vendita o l’asporto di bevande alcoliche, come anche la regolamentazione con possibili limitazioni degli orari di apertura e chiusura degli esercizi pubblici e di svolgimento di attività commerciali che praticano la vendita di bevande alcoliche, ciò sempre al fine di prevenire i fenomeni di illegalità e disturbo alla quiete ricollegabili al deflusso dell’utenza o alla sosta di essa nelle prossimità esterne ai locali.

Ricevi su WhatsApp (Info QUI) le notizie di Vivere Gubbio il servizio è gratuito: è sufficiente iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereGubbio oppure aggiungere il numero 376 0317898 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON" allo stesso numero.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2022 alle 12:04 sul giornale del 01 dicembre 2022 - 58 letture






qrcode