Maxi-operazione antidroga tra Gualdo e Gubbio: smantellato spaccio da 100.000 euro al mese. 13 misure cautelari

3' di lettura 29/06/2020 - Importante operazione antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Gubbio tesa a smantellare lo spaccio di sostanze stupefacenti posto in essere da cittadini albanesi, italiani e cubani, principalmente nel territorio del Comune di Gualdo Tadino e Gubbio (PG), ma anche nella limitrofa regione Marche.

L’indagine - denonimata "All in" - condotta unitamente ai colleghi della Stazione Carabinieri di Gualdo Tadino, ha avuto inizio nel marzo 2019 ed è terminata sabato 27 giugno con l’esecuzione di 13 provvedimenti cautelari emessi da parte dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Perugia.

L’articolata manovra investigativa, coordinata dalla Procura di Perugia, trae origine dall’individuazione di un 25enne pusher di nazionalità cubana, residente da anni a Gualdo Tadino, che riforniva di cocaina giovani, ma non solo, del territorio. Questi attendeva gli acquirenti presso una sala giochi dove effettuava lo scambio con una stretta di mano. L’attività tradizionale di osservazione di quell’esercizio ha permesso di effettuare alcuni riscontri riguardanti alcuni assuntori della zona, con sequestro di modiche quantità di sostanza stupefacente appena acquistata, ma anche di capire che quello era il luogo di spaccio anche di altri due soggetti, il fratello 32enne e un ragazzo albanese 24enne, che cedevano cocaina con le medesime modalità. La telecamera successivamente installata per documentare lo spaccio ha evidenziato in maniera chiara il collegamento dei tre e la mole di “clienti” di questo mini market all’aperto. Numerosi, infatti, sono stati gli acquirenti identificati con tale ausilio tecnico.

Le intercettazioni telefoniche hanno consentito di certificare il rapporto fra i tre e che il ragazzo albanese era colui che riforniva anche gli altri due. L’indagine si è quindi focalizzata su quest’ultimo soggetto anche con varie ed articolate metodiche di approfondimento investigativo. E’ proprio questa attività che ha permesso agli inquirenti di ricostruire la fitta rete di relazioni che il ragazzo albanese aveva con parenti della zona, tutti coinvolti nella attività di spaccio. In particolare è emerso che il giovane era colui che aveva i contatti per l’approvvigionamento della cocaina, e che nel tempo stava instradando zii e cugini all’attività di spaccio al dettaglio per suo conto, mantenendosi i “migliori” clienti. Complice la chiusura della sala giochi, l’attività di spaccio è divenuta dinamica, i pusher raggiungevano luoghi isolati dove, previo contatto telefonico, si incontravano con gli acquirenti.

La cocaina in dosi veniva trasportata all’interno di un calzino, che occultavano in vani nascosti all’interno del cruscotto delle auto, oppure lasciata in punti precedentemente individuati per poi essere recuperata. In questo contesto venivano rinvenuti 20 grammi di cocaina imbustata sottovuoto lasciata all’interno del bagno di un bar. Settimanalmente, poi, il giovane 24enne provvedeva a riscuotere le ingenti somme ricavate che venivano investite, unitamente alla fidanzata, per l’acquisto della cocaina, in parte reinvestite in Albania. Fedelissimo del giovane un ragazzo italiano 25enne di Gualdo Tadino, anche lui arrestato, che fungeva da autista e, in maniera autonoma, compiva cessioni. Nel corso del tempo, il sodalizio ha notevolmente accresciuto il volume d’affari giungendo a smerciare fino a circa 3 kg di cocaina al mese con un ricavato di oltre 100.000 euro, monopolizzando praticamente il mercato eugubino-gualdese.

Successivamente, l’attività tecnica permetteva di risalire al canale di approvvigionamento della sostanza stupefacente, che giungeva dapprima dal bresciano e poi dal circondario fiorentino. In tale contesto, nei giorni scorsi, veniva tratto in arresto in flagranza di reato un corriere, che nell’occasione recapitava 2 kg di cocaina, portando anche al sequestro di 68.000 euro in denaro contante quale corrispettivo, mentre un altro corriere è stato tratto in arresto sabato scorso in quanto destinatario di misura cautelare.

L’indagine si concludeva con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 18 persone, 13 emissioni di ordinanza cautelari, di cui 7 in carcere, 5 agli arresti domiciliari e 1 divieto di dimora in Umbria.

Nel complesso l’attività portava al sequestro di 2,3 kg. di cocaina e di 75.000 euro in contanti.






Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2020 alle 08:00 sul giornale del 30 giugno 2020 - 181 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, gubbio, gualdo tadino, umbria, gualdo, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpji





logoEV